Aree di attuazione del progetto

Uno dei siti è localizzato nel comune di Nikiforos Fokas, nella parte nord della prefettura di Rethymnon, Creta. Confina a nord con il Mare di Creta, a sud con il comune di Episkopi e ad ovest con il comune di Rethymnon. La giurisdizione locale si estende su oltre 14 circoscrizioni e comprende un totale di 21 paesi. Tutti i paesi hanno una lunga storia e sono conosciuti per la loro magnifica architettura. Il comune si estende su una superficie totale di 96 km2 ed ha una popolazione di circa 6600 abitanti.

Il comune pilota prescelto è uno dei molti comuni in Grecia, ma anche nel bacino del Mediterraneo, che deve affrontare il problema dello smaltimento incontrollato di reflui oleari non trattati. 5 frantoi sono stati attivi nell’area per più di 10 anni e ci sono 2 frantoi che hanno concluso la propria attività tra i 3 e i 5 anni fa. Alcuni tra i frantoi ancora attivi ricorrono al lagunaggio mentre altri rilasciano i reflui direttamente nei fiumi o nei torrenti. Fino ad oggi non è stato fatto nessuno studio dettagliato nella regione ma anche all’interno dei comuni limitrofi per valutare la qualità del suolo e delle risorse idriche e il modo in cui l’attività dei frantoi condiziona l’ambiente circostante.

Un piccolo sito aggiuntivo di attuazione del progetto è stato predisposto in Liguria (Italia) presso il CERSAA. L’area selezionata per la sperimentazione è situata nella provincia di Savona vicino al comune di Albenga. La provincia ha una superficie totale di 1545 Km2, comprende 69 comuni e ha una popolazione totale di circa 300.000 abitanti. Il settore agricolo è specializzato nella produzione di ortaggi e frutta parallelamente alla viticoltura e, in modoparticolare, alla olivi-coltura.

La coltivazione dell’olivo è stata potenziata negli ultimi 10 anni attraverso l’adozione di specifiche misure di tipo ammini-strativo e politico da parte della Regione Liguria volte in modo particolare ad una ristrutturazione dei molti oliveti e frantoi dislocati sul territorio. Nella provincia di Savona sono attivi circa 50 frantoi, dei quali 10 sono certificati per la produzione di olio D.O.P. (Denominazione di Origine Protetta). I metodi di smaltimento tradizionali dei reflui oleari comprendono: 1. lo spargimento sul suolo, 2. lo smaltimento in fognatura (ove permesso dall’autorità locale), 3. la trasformazione in rifiuto che possa essere facilmente compostato o utilizzato per la produzione di calore.

                                                                        

Read more