Risultati attesi

  • Un piano coordinato di gestione costituito da tecnologie efficaci (di protezione/correzione del suolo, pre-trattamento dei rifiuti, compostaggio su piccola scala), che includerà azioni e mezzi che assicurino la qualità del suolo, la conservazione della biodiversità e la protezione dei corpi d’acqua nelle zone direttamente o indirettamente interessate dallo smaltimento dei diversi tipi di rifiuto.
  • Una strategia integrata per migliorare e proteggere la qualità del suolo e dell’acqua dallo smaltimento dei reflui oleari che ben si adatti all’interno del bacino del Mediterraneo.
  • Riduzione del carico tossico attraverso pre-trattamenti con materiali disponibili in quantità/economici/privi di rischi che, nella maggior parte dei casi sono considerati come scarti/rifiuti di processi di tipo industriale; questo permetterà anche di accrescere il reimpiego/riciclo di rifiuti industriali.
  • Profilo delle concentrazioni delle sostanze inquinanti e dei nutrienti nei suoli e identificazione delle loro vie di migrazione e dei loro destini all’interno dei corpi idrici.
  • Valutazione (quantitativa quando possibile) dei rischi associati al suolo, alle acque di superficie e del sottosuolo.
  • Messa a punto di un sistema di monitoraggio del suolo che migliorerà il controllo delle aree oggetto di studio e altre aree nelle quali si svolgono attività analoghe attraverso l’analisi dei soli parametri appropriati che riflettono l’attività di smaltimento dei rifiuti nell’area.
  • Guida per l’impiego sicuro dei reflui oleari in frutteto/oliveto.
  • Sviluppo di metodi rapidi di analisi per il monitoraggio continuo dei parametri qualitativi dei rifiuti.
  • Linee guida pratiche per la produzione di compost in piccola scala volto a ridurre il quantitativo di rifiuti smaltiti senza controllo all’interno del suolo e nei corpi idrici.
  • Abbattimento della contaminazione all’interno dei comparti contaminati (suolo, acque superficiali, acque profonde) in osservanza delle leggi europee vigenti.
  • Sviluppo di un modulo WEB – GIS per la costruzione interattiva di mappe tematiche nelle aree in cui si trovano i frantoi.
  • Realizzazione di una biblioteca informatica contenente dati relativi alla produzione di olio che sarà accessibile anche al pubblico. 
  • Realizzazione di un sito web per l’ampia divulgazione dei risultati di progetto, sito che conterrà anche la biblioteca informatica e i dati GIS.
  • Divulgazione dei risultati di progetto attraverso una campagna informativa ben pianificata.
  • Incremento della consapevolezza da parte di produttori, autorità locali, gente comune all’interno del bacino del Mediterraneo della possibilità di dare il proprio contributo in attività analoghe.
  • Contributo alla sviluppo sostenibile del settore olivicolo.
  • Riduzione del CO2 footprint.
  • Miglioramento della qualità della vita nelle aree contaminate.
  • Incremento potenziale dell’occupazione nel settore attraverso la creazione della necessità di specialisti e la creazione di un’unità centrale per il trattamento dei reflui oleari. 

                                                                 

Read more